domenica 17 marzo 2013

Gestire i senatori con la (sola) forza della Rete

Beppe Grillo sta capendo in queste ore (anche se lo aveva ampiamente preventivato) quanto sia difficile gestire un gruppo parlamentare solo attraverso la Rete. Anche le reazioni odierne dei senatori del Movimento Cinque Stelle, che in qualche modo provano a giustificare la divisione di ieri a Palazzo Madama, evidenziano questo limite della Democrazia Digitale.

La Rete resta un ottimo luogo di confronto e di scambio libero di idee. Un ottimo luogo dove far fuoriuscire retroscena sui vizi della casta e gli sprechi della Pubblica Amministrazione. Ma ai blog e ai social network bisogna necessariamente ancorare "sostanza", concretezza. La prima volta del Movimento Cinque Stelle in Parlamento servirà anche a capire fin dove si può spingere una forza nata e cresciuta esclusivamente sul web.

Dal mio punto di vista se i leader carismatici Grillo e Casaleggio fossero stati presenti a tutte le riunioni e pre-riunioni dei parlamentari del Cinque Stelle, ieri ci sarebbero stati molti meno franchi tiratori o addirittura nessuno dei senatori avrebbe violato il patto interno. 

Va detto anche che in politica i franchi tiratori sono sempre esistiti, ma il Movimento Cinque Stelle non è andato in Parlamento per cambiare le abitudini della vecchie politica?

4 commenti:

  1. Il M5S si è comportato perfettamente. Ha fatto sentire che c'è e che di volta in volta fa interventi cui concorda. Bene per la elezione di Grasso alla presidenza del senato.Continuiamo così ma interveniamo anche per salvare l'Italia. Grazie ragazzi, avete dimostrato criterio e ve ne sarò per sempre riconoscente; non avrei sopportato ancora schifani. Buon lavoro a tutti. Avrebbero potuto votare uno dei nostri...ma c'era il rischio più che fondato, che avrebbe rivinto Pisanu, lo scagnozzo del nano.....allora evviva Grasso !!! Le vere battaglie arrivano adesso. In particolare quella per il Presidente della Repubblica che resterà in carica sette anni. Ci siano o non ci siano le elezioni, e comunque vadano. Bene amici. Questa sera sono proprio soddisfatto. Il pericolo Schifani incombeva e la sua vittoria avrebbe riportato tutti alla vecchia politica. Continuiamo così ma interveniamo anche per salvare l'Italia dalla bancarotta, combattere la disoccupazione e ... ecc ecc. Noi che abbiamo votato Grillo sapevamo che votavamo per un ritorno alla onestà e correttezza. Evitare Schifani era fondamentale. Visto che non avevamo i numeri per eleggere uno dei nostri abbiamo costretto il pd a rottamare qualche giurassico.... e compagnia cantante. Tra le altre cose i nomi indicati dal PD vanno anche a merito delle posizioni del M5S: aver fatto in modo che non fossero due nomi della nomenklatura spingendo il PD a fare un'azione di rinnovamento; se l'obiettivo del M5S è cambiare e non abbattere le istituzioni, se è arrivato in parlamento per costruire un'alternativa e non solo protestare, allora dovete essere contenti di aver fatto fare al PD un passo in questo senso; altri sono i temi su cui ci potranno essere convergenze con la parte (vi assicurio consistente) degli elettori del PD che condividono molte nostre istanze, ma per costruire non per distruggere. "Chi entra nelle istituzioni ha il dovere di avere come punto di riferimento la Costituzione piaccia o non piaccia, altrimenti fa a meno di farsi eleggere; il codice di comportamento è meno importante dell'art. 67 della Costituzione secondo il quale il parlamentare opera nell'interesse della Nazione e valuta il suo voto in base al bene comune; in questo caso il bene comune è non avere al senato un uomo come Schifani, quello del lodo per salvare il nano nazionale contro cui anche il Meetup di Brescia ha partecipato a manifestazioni". Osservare gli amici del Mov5 della Sicilia. Un grande esempio.
    Ragazzi con affetto Avanti.
    Celso Vassalini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Celso Vassalini17 marzo 2013 10:14

      Il M5S si è comportato perfettamente. Ha fatto sentire che c'è e che di volta in volta fa interventi cui concorda. Bene per la elezione di Grasso alla presidenza del senato.Continuiamo così ma interveniamo anche per salvare l'Italia. Grazie ragazzi, avete dimostrato criterio e ve ne sarò per sempre riconoscente; non avrei sopportato ancora schifani. Buon lavoro a tutti. Avrebbero potuto votare uno dei nostri...ma c'era il rischio più che fondato, che avrebbe rivinto Pisanu, lo scagnozzo del nano.....allora evviva Grasso !!! Le vere battaglie arrivano adesso. In particolare quella per il Presidente della Repubblica che resterà in carica sette anni. Ci siano o non ci siano le elezioni, e comunque vadano. Bene amici. Questa sera sono proprio soddisfatto. Il pericolo Schifani incombeva e la sua vittoria avrebbe riportato tutti alla vecchia politica. Continuiamo così ma interveniamo anche per salvare l'Italia dalla bancarotta, combattere la disoccupazione e ... ecc ecc. Noi che abbiamo votato Grillo sapevamo che votavamo per un ritorno alla onestà e correttezza. Evitare Schifani era fondamentale. Visto che non avevamo i numeri per eleggere uno dei nostri abbiamo costretto il pd a rottamare qualche giurassico.... e compagnia cantante. Tra le altre cose i nomi indicati dal PD vanno anche a merito delle posizioni del M5S: aver fatto in modo che non fossero due nomi della nomenklatura spingendo il PD a fare un'azione di rinnovamento; se l'obiettivo del M5S è cambiare e non abbattere le istituzioni, se è arrivato in parlamento per costruire un'alternativa e non solo protestare, allora dovete essere contenti di aver fatto fare al PD un passo in questo senso; altri sono i temi su cui ci potranno essere convergenze con la parte (vi assicurio consistente) degli elettori del PD che condividono molte nostre istanze, ma per costruire non per distruggere. "Chi entra nelle istituzioni ha il dovere di avere come punto di riferimento la Costituzione piaccia o non piaccia, altrimenti fa a meno di farsi eleggere; il codice di comportamento è meno importante dell'art. 67 della Costituzione secondo il quale il parlamentare opera nell'interesse della Nazione e valuta il suo voto in base al bene comune; in questo caso il bene comune è non avere al senato un uomo come Schifani, quello del lodo per salvare il nano nazionale contro cui anche il Meetup di Brescia ha partecipato a manifestazioni". Osservare gli amici del Mov5 della Sicilia. Un grande esempio.
      Ragazzi con affetto Avanti.
      Celso Vassalini.

      Elimina
  2. E la democrazia digitale non è ancora iniziata in quanto manca la piattaforma

    RispondiElimina